E’ solo una staccionata?

testo e foto di Antonella Giacomini  / Mel (BL)

Fogo Island Newfoundland Canada Orientale
03/12/2017
4 min

Toc, toc, toc; il martello si abbatte in modo ritmico sulla lamiera del tetto di un edificio che non so ben identificare.
Toc, toc, toc; si perde nel vento che soffia frizzante dal mare portando una fragranza che sa di fresco e pulito. E pettina quel vento le chiome di un frumento che mi appare selvatico e che ondeggia in modo sinuoso sferzando il bianco scheletro di un’ormai improbabile staccionata. Amo le staccionate, le ritengo fotograficamente soggetti interessanti e romantici. E’ per quello che, malgrado lo slancio dato da una bella discesa, un po’ a malincuore tiro i freni della mia pesantissima bicicletta; non posso non fotografare quello che mi sembra un dito puntato verso un cielo terso e cristallino che ha già sopraffatto le umide brume mattutine. Cerco dove poter appoggiare la mia bicicletta, altrimenti disarcionata da un cavalletto ormai incapace di sopportare tutto quel peso.

Non so più esattamente dove mi trovo e, in fondo, a questo punto del mio andare poco mi importa. Quando ho deciso di intraprendere questo viaggio pensavo di progettarlo nel minimo dettaglio; sono abituata a farlo perché spesso i luoghi dove vado non permettono tante improvvisazioni. Poi in realtà le cose non vanno mai come hai programmato, ma almeno ci hai provato e sai che può succedere e questo ti pone in una posizione di vantaggio; se sei ignaro rischi di soccombere agli eventi.

Questo viaggio in Canada è nato da un post su fb del consolato canadese che pubblicizzava l’inaugurazione nel 2017 di The Great Trail, il lavoro corale di un’intera popolazione che per 25 anni ha scavato, spianato, transennato e tabellato più di 24.000 km di sentieri.

Un’idea grandiosa! Mi piace dare un valore aggiunto alle esperienze che faccio e incamminarmi lungo la pista ciclabile più lunga al mondo l’ho ritenuta una gran “figata”: l’opportunità di imparare qualcosa e di raccontare qualcosa al mio ritorno.

Logo Blogger Contest2017_300x175
Questo viaggio in Canada è nato da un post su fb del consolato canadese che pubblicizzava l’inaugurazione nel 2017 di The Great Trail.
Staccionata lungo la Route 100 Avalon Peninsula Newfoundland Canada Orientale
Staccionata lungo la Route 100 Avalon Peninsula Newfoundland Canada Orientale

Scarico l’App, acquisto cartine, oggetti per i quali ho una vera passione, sovrappongo tracciati, che spesso non corrispondono o addirittura non trovo, calcolo distanze con Google, mi avvalgo di tutta la tecnologia possibile, che so usare male e che in fondo un po’ mi infastidisce, ma mi sembra di avere tutto chiaro; in fondo vado in Canada, seppur in alcune delle zone più selvagge, pur sempre in un luogo dove forse posso permettermi di commettere qualche errore.

Toc, toc, toc! Prendo telecamera, macchina fotografica, tutto il necessario per fermare questa immagine che mi sembra irripetibile. Devo entrare in una proprietà privata, devo farmi strada tra quelle future messi e voglio chiedere permesso.

Toc, toc, toc! Grido al vento per chiedere a quell’uomo chino su quel tetto di lamiera di poter entrare, ma lui non mi sente. Grido più forte, ma il suo capo resta chino sulla lamiera ed il suo martello batte con un ritmo cadenzato. Ad un tratto però qualcosa lo distrae dal suo lavorare, mi vede e con un balzo scende dal tetto ed è lì, difronte a me, sordo come una campana, incapace di sentire e di capire quello che in tutti i modi cerco di dirgli, mentre io non riesco a comprendere quel suo antico dialetto irlandese inasprito dal vento. Ma non serve!

Con la mia mano nella sua, zizzagando mi conduce in quel mare verde; mi sento persa, sono in balia del suo ondeggiare in sintonia con gli alti steli che ci circondano. Mentre fotografo mi sta ad osservare; il suo sguardo, ceruleo e un po’ annebbiato dal tempo sprizza vivacità e affetto. Riprendo la sua mano e dimenticata la prima esitazione mi lascio riportare sulla terra ferma.

Questo però non è The Great Trail.

Antonella Giacomini

Antonella Giacomini

Antonella Giacomini, Bellunese, insegnante e giornalista pubblicista da oltre vent’anni viaggia come alpinista ed esploratrice in terre più o meno sconosciute. Le Dolomiti rimangono per lei il luogo più bello del mondo.


Il mio blog | fb Along the great trail. Nasce per documentare l'esperienza lungo il grande sentiero Canadese fatta in luglio e agosto 2017; 3000 km in bicicletta. Affianca la pagina personale Antonella Giacomini e la pagina Patagonia mon amour interamente dedicata alla Patagonia.
Link al blog

Esplora altre storie

In quell’estate di undici anni fa ho stretto amicizia con un pastore. Una bella amicizia... In quell’estate di undici anni fa ho stretto amicizia con un pastore. Una bella amicizia all’ombra della dolomia. ...

Sabato 21 aprile alle ore 17.00 in piazza ad Arco (TN), sul palco di... Sabato 21 aprile alle ore 17.00 in piazza ad Arco (TN), sul palco di Adventure Awards Days, il festival internazionale dell’avventura e dell’esplorazione, si...

E’ la storia di un bambino che perde la strada e non trova i... E’ la storia di un bambino che perde la strada e non trova i suoi genitori, ma è anche il racconto di come il...

“To be free” racconta di emozioni forti e sensazioni intime, di uno stato d’animo...... “To be free” racconta di emozioni forti e sensazioni intime, di uno stato d’animo... ...

Get Vertical è l'ormai collaudata formula con cui Salewa offre ai fortunati vincitori dell’omonimo... Get Vertical è l'ormai collaudata formula con cui Salewa offre ai fortunati vincitori dell’omonimo concorso la possibilità di vivere un’esperienza di un campo base...

I ricordi di Luisa ci trasportano in un periodo molto recente,eppure quasi fiabesco. Esiste... I ricordi di Luisa ci trasportano in un periodo molto recente,eppure quasi fiabesco. Esiste ancora un alpinismo che è stile di vita? ...

Trattare superficialmente la “filosofia” dell’andare per monti è il modo migliore per decretarne l'inutilità.... Trattare superficialmente la “filosofia” dell’andare per monti è il modo migliore per decretarne l'inutilità. ...

Ero confusa, totalmente confusa. Il mio sguardo era proiettato verso l’alto, verso le montagne... Ero confusa, totalmente confusa. Il mio sguardo era proiettato verso l’alto, verso le montagne e facevo molta fatica ad abbassare lo sguardo sui libri...

Paolo Rossi lo conosciamo: le sue Vacche Ribelli e, soprattutto, il suo essere –... Paolo Rossi lo conosciamo: le sue Vacche Ribelli e, soprattutto, il suo essere – umanamente - fotografo di lupi per-nulla-cattivi lo hanno messo nell’angolino...

I colori son sbiaditi, la grafica tradisce i gusti dell'epoca, i materiali sono ingialliti... I colori son sbiaditi, la grafica tradisce i gusti dell'epoca, i materiali sono ingialliti dall'umidità, ma il senso che per cui sono nati non...