Neve e amore

La neve ora, cade molto fitta e rotea vorticosamente sospinta dal vento sempre più impetuoso...

testo e foto di Jacopo Bertella  / La Spezia

Una nevicata importante!
20/10/2017
4 min

La neve ora, cade molto fitta e rotea vorticosamente sospinta dal vento sempre più impetuoso, un turbinio bianco che quasi provoca dolore sui pochi centimetri scoperti del viso!
Pur infastiditi, decidiamo di procedere lungo il sentiero buio che ci condurrà al paese vicino.
Ci trovavamo oramai in una situazione limite, il vento ci impediva di respirare e intorno nessuno.

Ai lati del sentiero, tra i cespugli del mugo, un movimento inaspettato, quasi furtivo, cerco di fissare lo sguardo per rendermi conto, ma forse  era stata solo una sensazione, al momento tutto era immobile, facciamo un passo ulteriore di lato, nell’oscurità ed in quel preciso istante, sepolto completamente dalla neve, pare un dorso di animale, un muso affilato.
Ci portiamo sopra di lui, e vicinissimo un flebile respiro, e due occhioni timorosi e stanchi che vanno ad incrociare il nostro sguardo. Cerco di sollevare l’animale, è un cerbiatto, forse ferito, certamente molto infreddolito, tutto rannicchiato e raccolto, cerca, aiutato da me di sollevarsi un poco, ma non riesce. Si tratta di prendere una decisione immediata. Subito penso di metterlo dentro lo zaino, ma assurdo non può starci, allora prendo da dentro un pile, levo tutta la neve di cui la povera bestiola era ricoperta e la avvolgo all’interno per cercare di dargli un po’ di calore. Certo che pesa, però bisogna fare presto, dobbiamo aiutarlo, prima si divincola e si muove quasi con forza, quindi pare accoccolarsi tranquillo. Si sta facendo tardi, via veloci sul sentiero, sudati, stanchi, con l’ansia che non ci lasciava un momento… arriviamo alle prime case del paese vicino.

Logo Blogger Contest2017_300x175
Ci trovavamo oramai in una situazione limite, il vento ci impediva di respirare e intorno nessuno.
Una nevicata importante!
Una nevicata importante!

Negozi già chiusi, un bar, un numero di telefono, di lì a pochi minuti un veterinario convinto da Marta a prestare soccorso velocemente, ci porta nel suo studio.
Si prodiga immediatamente, pare una situazione abbastanza critica, presta le prime cure, passiamo molto tempo in grande angoscia, pare si stia lentamente riprendendo, nel frattempo, avvisata dal veterinario, giunge una simpatica donna , padrona di una vicina azienda agricola, con del latte di capra, dovrà allattarlo ogni tre ore. Per fortuna il cerbiatto non ha ferite, solo spossato dal freddo!
Viene portato via e l’appuntamento è per l’indomani mattina da lei.

Quella notte, per mille immaginabili motivi non abbiamo dormito un minuto.
Nelle prime ore del mattino, in un panorama incantato, ma non più di interesse, siamo corsi a vedere come avesse trascorso la notte il cerbiatto… un tenace e commovente rapporto di affetto si era instaurato.
Arrivati, la signora ci ha ricevuti, con le lacrime agli occhi, noi subito guardandoci abbiamo pensato a una brutta notizia. Invece ci ha accompagnato a vederlo, già si poteva reggere sulle zampe ed era in buono stato, addirittura stava reclamando con mugolii quasi come un bambino piccolo di essere allattato!

In montagna, spesso, possono capitare varie situazioni non valutabili, oppure sottovalutate, difficoltà eccessive, impreparazione, timori, attrezzatura insufficiente, e tutto concorre a creare problematiche di non facile soluzione. Capita anche, come in quella descritta che senza rischio personale tu possa divenire il mezzo di soccorso con tenacia, volontà, scelta decisiva e determinante, il premio che ne ricevi ti riempie il cuore di felicità ed amore.

Jacopo Bertella

Jacopo Bertella

Da sempre legato alla montagna ed alle attività sportive ad essa collegate, ho respirato fragranze di mugo e profumo di fieno fin dalla più tenera età. Sciatore esperto e ottimo camminatore, ho trovato motivo per poter scrivere di montagna e collaborare con riviste e magazine del settore. Prossimo alla laurea, desidero impegnarmi ulteriormente in questo ambito e farne futura attività occupazionale.


Il mio blog | Avendo già partecipato con vari pezzi negli anni passati al Blogger Contest di Altitudini, ritengo sia una appropriata scelta evidenziare in esso il mio blog. Eleggo quindi “Altitudini.it “come rivista digitale per la pubblicazione.
Link al blog

Esplora altre storie

E quale sarebbe la vostra reazione se mettessi la medesima tavola tra due edifici... E quale sarebbe la vostra reazione se mettessi la medesima tavola tra due edifici in modo che vada dal quinto piano dell’uno al quinto...

Cinquant’anni fa, per dire, se solo avessi pensato al futuro avrei pensato a certe... Cinquant’anni fa, per dire, se solo avessi pensato al futuro avrei pensato a certe invenzioni magnifiche e al 2018 come una data tanto futuristica...

"Carlo è in pensione da un po’. I ragazzi del posto lo chiamano Tuby,... "Carlo è in pensione da un po’. I ragazzi del posto lo chiamano Tuby, perché faceva l’idraulico. Scarpe grosse e cervello fino, Carlo." ...

“Quando la geografia venne a mancare” è il racconto di un’esperienza vissuta... ... “Quando la geografia venne a mancare” è il racconto di un’esperienza vissuta... ...

Sul tavolo c’è un articolo di inizio millennio scritto da Umberto Eco, un paio... Sul tavolo c’è un articolo di inizio millennio scritto da Umberto Eco, un paio di vinili anni ’70, una grande scatola di ricordi sonori,...

– Non mi sembri molto sveglio oggi, rifletti, a cosa servono i sentieri? – Come... – Non mi sembri molto sveglio oggi, rifletti, a cosa servono i sentieri? – Come a cosa servono? – A cosa servono? Perché ci sono? – Servono...

Ancora qui, da solo sulle Ande. Volevo arrivare a Lima e andare a nord,... Ancora qui, da solo sulle Ande. Volevo arrivare a Lima e andare a nord, invece devo scendere verso sud, perché ho dovuto accettare il...

Mancano una manciata di mezzore all’alba, ho le gambe che tremano, un vecchio fucile... Mancano una manciata di mezzore all’alba, ho le gambe che tremano, un vecchio fucile di fabbricazione russa puntato al viso, e Dio sa quanto...

Nei pullman con i finestrini appannati nessuno parla. C’è ancora l’odore dei... ... Nei pullman con i finestrini appannati nessuno parla. C’è ancora l’odore dei... ...

Cento giorni di solitudine, a tu per tu con la montagna, con le sue... Cento giorni di solitudine, a tu per tu con la montagna, con le sue regole, i suoi segreti. Lontani dai frastuoni e dalle frette...